Concorso "Vitale Giordano", la seconda edizione è dedicata a Leonardo da Vinci

Sarà dedicata a Leonardo da Vinci la seconda edizione del Concorso “Vitale Giordano”.

A cinquecento anni dalla sua morte, l’associazione intitolata al matematico bitontino ha pensato proprio di far confrontare con il genio italiano tutti i partecipanti all’iniziativa.

Undici le tematiche proposte ai ragazzi delle classi quarte degli istituti superiori di Puglia, Basilicata e Calabria.

 

Sino al 28 febbraio, i team iscritti al concorso potranno reinterpretare, con originalità e visione contemporanea, alcune delle suggestioni ispirate dalle opere e dagli studi di Leonardo, mediante elaborato scritto, video o con lo sviluppo di un’app.

 

Le tracce sono state presentate il 14 dicembre nell’Auditorium dell’Istituto Tecnico Economico “Vitale Giordano”.

Nel corso della giornata, con il contributo di personalità di spicco del mondo scientifico, si è discusso anche del tema “Dal fare al dire: comunicare la scienza”.

 

Prima dell’incontro, la redazione di Radio00 ha intervistato alcuni dei prestigiosi ospiti.

 

Insieme al dott. Silvio Vacca, presidente dell’Accademia Vitale Giordano, si sono concessi ai nostri microfoni il dott. Fabrizio Cillo, primo ricercatore dell’Istituto per la Protezione Sostenibile delle Piante CNR Sede di Bari, il dott. Massimo Trotta, primo ricercatore dell'Istituto per i Processi Chimico Fisici del CNR - sede di Bari, e il prof. Francesco Paolo de Ceglia, docente del Dipartimento Studi Umanistici Università degli Studi A. Moro di Bari e direttore del Seminario di Storia della Scienza.


Condividi su:

torna indietro