"La donna giusta"

Vi siete mai chiesti come avreste reagito e cosa avreste deciso, trovandovi di fronte ad una verita' diversa da quella che vi aspettavate? 

Nel primo romanzo della scrittrice materana Caterina Ambrosecchia, presentato questa sera ( 16 Novembre n.d.r.) alla Biblioteca Comunale Rogadeo di Bitonto, tre generazioni di donne sono a confronto in uno spazio temporale che attraversa gli anni '50 e sconfina fino ai giorni nostri.

Tre storie , tre stili di vita , tre esperienze di donna tutte legate dal filo conduttore della memoria che le aiuta a ritrovare quella forza nei sentimenti che sembravano avere la meglio sul corso della vita.

Una storia romanzata, si, ma con uno strato corposo di verita' che accompagna il lettore in un percorso introspettivo tra uomo e donna che porta alla inevitabile scelta tra mille sacrifici.

Caterina e' una scrittrice che diversamente dalle altre e dagli altri, non ha l'ansia da pubblicazione, e forse questo la distingue nella scelta delle sue idee che comunque l'hanno premiata ampiamente fra i lettori "comuni" e gli "addetti ai lavori", dopo la presentazione nazionale al salone del libro di Torino. Lei si e' scusata per la sua rigidita' da telecamera, perche' non si sentiva avvezza a tale situazione, ma vi assicuriamo che le sue parole di rigido hanno ben poco.Provate ad ascoltarla e vi farete trasportare delle sue parole...


Condividi su:

torna indietro