Il Bitonto è in serie C. La squadra del presidente Francesco Rossiello oggi ha scritto la Storia

Il Bitonto è in serie C. La squadra del presidente Francesco Rossiello oggi ha scritto la Storia

Il Consiglio Direttivo della Lega Nazionale Dilettanti, tenutosi oggi in videoconferenza

  • 22 maggio 2020
  • Sport
  • Redazione

Il Consiglio Direttivo della Lega Nazionale Dilettanti, tenutosi oggi in videoconferenza, ha messo a punto le proposte (votate all’unanimità), che saranno portate al vaglio del prossimo Consiglio Federale, in ordine ai meccanismi di conclusione dei campionati nazionali e regionali, per la necessaria ratifica. Per quanto riguarda la Serie D, la LND proporrà al massimo organismo federale la cristallizzazione delle classifiche al momento dell’interruzione del campionato, prevedendo in questo modo la promozione delle prime classificate di ciascun girone e la retrocessione delle ultime quattro squadre classificate di ogni raggruppamento.

Quest’ultimo aspetto, peraltro, aderisce a quanto già indicato dal Consiglio Federale in relazione ai campionati professionistici. Tra le richieste, anche quella relativa ad una graduatoria di merito per gli eventuali ripescaggi laddove si verificasse una carenza di organico, sempre tenendo conto di privilegiare il valore primario del merito sportivo.

Il Bitonto, che era (da ottobre, ininterrottamente) capolista nel girone H di serie D, viene dunque promosso in C. Ed è la prima volta nella sua storia centenaria, quale che sia la riforma che rivoluzionerà il mondo del pallone italico. Ed è già esplosa la festa dei tifosi neroverdi per le strade della città per festeggiare il prestigioso traguardo tagliato dalla società guidata dal presidente Francesco Rossiello e dalla squadra condotta da mister Roberto Taurino. Una vittoria a tavolino, a causa dell'emergenza Coronavirus, certo, ma meritatissima. “Abbiamo agito con la massima accortezza e nel rispetto delle linee indicate dal Consiglio Federale in ordine a promozioni e retrocessioni in Serie D - ha commentato il numero uno della Lega Nazionale Dilettanti Cosimo Sibilia - consapevoli che non fosse affatto semplice affrontare la situazione tenendo conto delle peculiarità verificatesi. Ritengo sia stato fatto un lavoro scrupoloso, confortato dall’unanimità del voto in Consiglio Direttivo e guidato dal principio del merito sportivo, al quale la LND si è sempre attenuta. Credo ci siano le condizioni, anche nell’ottica della sempre più auspicata riforma del sistema calcistico italiano, di poter successivamente andare a soddisfare le ambizioni di chi avrà i requisiti oggettivi per nutrirle.

Ora attendiamo il pronunciamento del massimo organismo della FIGC sulle nostre proposte. Poi finalmente potremo cominciare a pensare alla nuova stagione, con l’augurio di ripartire più forti e decisi di prima”.


Condividi su:

torna indietro