Il Bitonto fa poker alla Team Altamura ed è Campione d’Inverno

Il Bitonto fa poker alla Team Altamura ed è Campione d’Inverno

Al “Città degli Ulivi” i neroverdi superano i murgiani nel derby barese e conquistano il platonico titolo al termine del girone d’andata

  • 22 dicembre 2019
  • Sport
  • Redazione

17^ GIORNATA CAMPIONATO SERIE D – GIRONE H 

BITONTO – TEAM ALTAMURA 4 – 1 

Reti: 4’ pt Turitto, 35’ pt Guadalupi, 41’ pt aut. Gambuzza, 18’ st Lattanzio, 23’ st Patierno

 

BITONTO: Figliola, Terrevoli, Amelio, Marsili (34’ st Vacca), Colella, Gargiulo (40’ st Gianfreda), Piarulli (26’ st Gagliardi), Biason, Patierno (40’ st Zaccaria), Lattanzio (31’ st Merkaj), Turitto. 

A disp. Zinfollino, Bolognese, Foufoué, Schirone. All. Taurino

 

TEAM ALTAMURA: Guido, Gambuzza (6’ st Siclari), Casiello, Lucchese (27’ st Cela), Pollidori, Russo, Santangelo, Fontana (14’ st D’Agostino), Croce, Guadalupi (27’ st Sisalli), Salatino (6’ st Romanelli).

A disp. Cassalia, Dammacco, Hysaj, Errico. All. Monticciolo

 

Arbitro: Longo (Cuneo). Assistenti: Portella (Frattamaggiore) e D’Ascanio (Roma 2)

Ammoniti: Marsili, Colella (B), D’Agostino (TA)

Espulsi:

 

BITONTO CAMPIONE D’INVERNO. ALTAMURA KO 4-1

Un poker di reti per laurearsi Campione d’inverno. 

Il Bitonto conclude nel migliore dei modi il suo 2019 battendo al “Città degli Ulivi” per 4-1 la Team Altamura nel 17esimo e ultimo turno del girone di andata del girone H del campionato di Serie D: altra grande vittoria di forza della capolista neroverde, che con questo successo – l’undicesimo finora in stagione – si laura Campione d’Inverno. Titolo platonico, certo, ma significativo per il lavoro svolto fin qui dai neroverdi e meritato per un gruppo che sta facendo grandissime cose. A premiare il Bitonto è la miglior differenza reti rispetto al Foggia, anch’essa a quota 37 punti, in vetta alla classifica. Dietro resiste il Sorrento a -4, si staccano invece Fasano e Casarano, bloccate entrambe sul pari.

La partita. Out Montrone per infortunio ma ormai prossimo al recupero definitivo, mister Roberto Taurino perde Lomasto, fermato per un turno dal giudice sportivo, e recupera Biason, assente negli ultimi due turni per squalifica. Il tecnico leccese rilancia Amelio in difesa nel 3-5-2 che vede Figliola tra i pali; Gargiulo – Colella – Amelio appunto a comporre la linea di difesa; a centrocampo, nel mezzo Piarulli – Marsili – Biason, sulle corsie Terrevoli e Turitto; coppia d’attacco Patierno – Lattanzio.

Curiosità: al match assiste anche mister Marco Giampaolo, ex tecnico di Sampdoria e Milan, giunto a Bitonto per il suo amico Alessandro Monticciolo, allenatore della Team Altamura e già suo vice in passato.

Pronti via e il Bitonto parte subito col piede pigiato fortissimo sull’acceleratore: un solo giro di lancette, Turitto sfonda sulla sinistra, cross dal fondo e sul secondo palo sia Lattanzio che Terrevoli, ben appostati e pronti a colpire, vengono anticipati da un difensore avversario. Al 4’ è già vantaggio Bitonto: l’azione si sviluppa sulla destra, Biason allarga per Terrevoli che serve un buon pallone al centro, la difesa murgiana prova a spazzare, con Pollidori che rinvia di testa, ma sulla sfera arriva Turitto che al volo fulmina il portiere ospite Guido nell’angolino alla sua sinistra. 1-0 Bitonto e rete numero 4 in campionato per l’esterno barese.

Il Bitonto continua a non premere e non si accontenta: minuto, l’azione si sviluppa sulla destra, scambio tra Lattanzio e Terrevoli, cross al centro con la sfera che arriva a Patierno ma da ottima posizione il puntero neroverde calcia incredibile a lato con lo specchio della porta praticamente libero. Due minuti dopo e ancora Bitonto pericolosissimo: Patierno apparecchia verso Biason, solo in area di rigore versante destro, conclusione ad anticipare l’uscita di Guido ma provvidenziale è il salvataggio sulla linea di Gambuzza. 

L’Altamura prova manovrare per evitare l’onda d’urto di un Bitonto che rallenta tra l’altro i ritrmi. Anche se al 25’ ci prova Lattanzio con una botta da fuori, palla di poco alta sopra la traversa. Dopo la mezz’ora si fanno vedere i murgiani: c’è il tentativo di Russo dalla distanza, bloccato senza patemi da Figliola. Al 33’, più pericolosa la Team: Santangelo se ne va sulla destra, cross arretrato per Salatino che da ottima posizione spara alto sopra la traversa. Il buon momento dei biancorossi trova la via del gol al 35’: punizione di Lucchese dalla trequarti sinistra, di testa in area di rigore svetta Guadalupi che supera Figliola e fa 1-1

Il Bitonto reagisce in maniera rabbiosa: 38’, punizione di Marsili che pesca Biason, bravo a scodellare in area di rigore per Patierno, che ci prova al volo ma la conclusione è strozzata e bloccata da Guido in due tempi. Sale in cattedra Marsili, che due minuti dopo ci prova direttamente da calcio d’angolo, ma il portiere ospite è attento e smanaccia. Poi al 41’ il Bitonto torna avanti: punizione tagliata di Marsili dalla trequarti sinistra, lo spiovente è velenoso e Gambuzza anticipa tutti ma insacca alle spalle del proprio portiere. 2-1 Bitonto.

L’Altamura accusa il colpo e rischia tantissimo: contropiede lanciato da Lattanzio e Patierno, la sfera arriva a Piarulli che allarga subito per Turitto, che in area sulla sinistra spara alto sopra la traversa. È l’ultima emozione di un primo tempo che il Bitonto chiude avanti 2-1. 

Ripresa. Subito Bitonto pericoloso, con Patierno che imbuca per Lattanzio, lanciandolo verso la porta, conclusione rasoterra che si spegne sul fondo. Ci prova anche Colella in rovesciata sugli sviluppi di un calcio d’angolo, palla che non inquadra lo specchio. 

Il Bitonto preme e trova la via del gol al 63’: angolo dalla sinistra di Marsili, smanaccia Guido, la sfera arriva a Lattanzio che al volo, quasi dal limite dell’area, insacca nel sette. 3-1 e seconda rete in campionato per l’attaccante andriese.

Altamura stordita e che cinque minuti dopo va definitivamente ko: Turitto imbuca per Lattanzio, che è bravo a difendere palla al limite dell’area e ad appoggiare per l’accorrente Patierno, che piazza la sfera rasoterra alle spalle di Guido, all’angolino alla sinistra del numero uno ospite. 4-1 e rete numero 14 in campionato per bomber Kikko, sempre più capocannoniere del girone H.

L’ultimo quarto di gara non regala grossi spunti. Da segnalare solo gli ingressi di Gagliardi per Piarulli, Merkaj per Lattanzio, Vacca per Marsili, il ritorno di Gianfreda in campo, al posto di Gargiulo, e Zaccaria per Patierno. Il Bitonto gestisce con ordine e porta a casa una vittoria importantissima perché vale il primato in classifica e non solo: miglior rendimento casalingo, con 22 punti s 24 conquistati, miglior attacco con 30 reti segnate e miglior difesa con sole 6 reti subite. Numeri da capolista, numeri da impazzire. Per un Bitonto che fa sognare e si regala un Natale ed una fine ed un inizio di nuovo anno davanti a tutti. Ma nel 2020, a partire dalla prima di ritorno del 5 gennaio contro il Francavilla, partirà un altro racconto. Per provare a scrivere una indelebile pagina di storia.

 


Condividi su:

torna indietro